ultima modifica: Nicola Scomparin  12/01/2018

Global Over 50s Housing/Healthcare Award 2107" per “The Most Outstanding Medical Tourism Researcher in the World in 2017" in Regione Friuli Venezia Giulia per il “Final Report of W.P.8 HoNCAB project.

notizia pubblicata in data : martedì 19 dicembre 2017

Global Over 50s Housing/Healthcare Award 2107' per “The Most Outstanding Medical Tourism Researcher in the World in 2017' in Regione Friuli Venezia Giulia per il “Final Report of W.P.8 HoNCAB project.

Nella britannica cornice del Courthouse Hotel di Londra, il nove di novembre 2017,  nella serata di gala sono stati presentati e consegnati i Global Over 50s Housing/Healthcare Award 2107.

I Global Awards, nella loro settima edizione, vogliono per i settori collegati agli Over 50s ( beni e servizi per i senior, strutture di accoglienza e di servizio, IT, Turismo sanitario, … ) celebrare e riconoscere le migliori perfomances individuali ed aziendali, le capacità di influenzare positivamente la crescita settoriale, la creazione di nuovi modelli di business, il pensiero contrario, riconoscere le nuove tendenze settoriali, le leadership di mercato e quant’altro collegato al settore delle cure ed assistenza ai senior.

I premi vengono attribuiti nelle categorie che vengono giudicate candidabili per l’encomio nell’anno, sulla base dell’osservazione specialistica di settore in 36 paesi di tutti i continenti nei 12 mesi precedenti.

Quest’anno il Comitato organizzatore ha attribuito il premio quale “The Most Outstanding Medical Tourism Researcher in the World in 2017” al dott. Leopoldo Comisso ed alla Lista dei contributori del W. P. 8 del Progetto HoNCAB  per il “ Final Report of W.P.8 HoNCAB project. Case study Analysis - Investigation on Tourism and Cross-border Health “.

Il progetto HoNCAB  il cui acronimo sta per “Support creation of pilot network of hospitals related to payment of care for cross-border patients” [Creazione di una rete di ospedali per la raccolta e lo scambio di informazioni sugli aspetti amministrativi  ( pagamenti e rimborsi) delle prestazioni sanitarie dei pazienti transfrontalieri];  è un progetto co-finanziato dalla Commissione Europea (Agenzia Esecutiva per la Salute ed i Consumatori) all’interno del Secondo programma di Azione Comunitaria in materia di Salute 2008-2013 . Esso si prefiggeva vari obiettivi, ciascuno oggetto di un singolo Work Package  ( W.P.), collegabili al recepimento della Direttiva UE 24/2011 negli Ordinamenti Giuridici nazionali dei Paesi comunitari.  

Il Work Package n. 8 -  Investigation on key thematic issues: tourism, cross border-care (Inchiesta sui temi chiave: turismo, sanità transfrontaliera) si proponeva di realizzare dei case study indagando su esperienze esistenti nell’ambito delle cure sanitarie transfrontaliere e del  turismo sanitario. Lo studio è stato  condotto su sei Paesi europei  analizzando la situazione negli anni dal 2011 al 2013; i sei ambiti studiati sono stati: per l’Italia l’ambito turistico di Lignano Sabbiadoro e l’Ospedale di Latisana; per la Slovenia l’ambito turistico e l’ospedale di Isola; per l’Austria l’ambito turistico e l’ospedale di Villaco; per la Francia l’ambito turistico e l’ospedale di Nizza; per Malta l’ambito turistico e l’ospedale di Malta; per la Grecia l’ambito turistico delle Aegean Islands e l’ospedale di Rodi.

La indagine ha cercato di mettere in evidenza le relazioni tra il settore sanità ed il settore turismo con particolare riferimento al sistema di mobilità sanitaria internazionale della UE, partendo dal fatto che ogni spostamento delle persone può essere rilevato come presenza turistica e la presenza turistica genera impatti sui servizi sanitari. Il “turista” può  accedere ai servizi sanitari  per necessità sopravvenute (ad esempio la persona si sente male,  ha un incidente ecc) o  perché il motivo del viaggio  è  quello di  ricevere delle cure (ad esempio perché le cure non sono disponibili nel proprio  paese o non disponibili in un tempo congruo). La analisi ha considerato le tipologie di turismo prevalente nei sei siti, l’organizzazione dei servizi sanitari, le possibili modalità di accesso ai servizi sanitari del turista con particolare riferimento alla persona straniera, la compensazione economica per le prestazioni erogate a cittadini stranieri, la Information Technology applicate all’E-health. Infine, ha prodotto delle raccomandazioni per il livello locale, regionale ed europeo.

In Friuli Venezia Giulia si sta realizzando un proficuo lavoro sull'invecchiamento attivo e sul turismo. La Giunta regionale, infatti, ha promulgato la Legge Regionale n. 22/2014 sul tema dell'invecchiamento che prevede anche la elaborazione di un piano di azione annuale che viene redatto da un tavolo tecnico a cui partecipano le direzioni regionali e quindi anche salute e turismo. In particolare nella linea strategica su "Cultura e Turismo sociale" del piano 2017 sono state previste alcune azioni condivise dalla Direzione Centrale Salute a cui fa capo la Azienda per l'Assistenza Sanitaria n.2 "Bassa Friulana - Isontina e dalla Direzione Centrale Attività produttive a cui fa riferimento l'Agenzia PromoTurismo FVG: in base a ciò sono stati organizzati  degli eventi formativi rivolti agli operatori turistici in cui sono stati inseriti dei moduli sul turismo accessibile e sui possibili percorsi di accesso dei turisti alle cure focalizzati sui turisti stranieri senior e/o portatori di patologie e/o disabilità. Al tavolo tecnico partecipa, oltre alle direzione regionali, anche l'Ufficio di Bruxelles.

Infine, nel Piano 2017 nella linea strategica trasversale era stato previsto il coinvolgimento dei partner austriaci e sloveni membri del  network europeo di Ospedali aderenti ad HoNCAB sui temi della continuità della Collaborazione tra partners del WP8 e dell'Assistenza sanitaria vista come elemento che qualifica la sicurezza di un territorio turistico in quanto permette di rendere pienamente fruibile la vacanza anche a turisti nazionali e stranieri senior e/o portatori di disabilità e/o patologie specifiche.

Risultato
  • 3
(1954 valutazioni)
Documenti Allegati
2017 Global Award Formato pdf Scarica il documento - formato pdf - 169 Kb
news ed eventi
<< maggio 2019 >> L M M G V S D     1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31                  
Sede Regione Veneto Programma Mattone Internazionale Salute - ProMIS
Regione del Veneto - Area Sanità e Sociale
UO Commissione Salute e Relazioni socio sanitarie
Palazzo G.B. Giustinian - Dorsoduro 1454
30123 - VENEZIA
cell. +39.3456598389 +39.3356504832
email: promisalute@regione.veneto.it

Programma Mattone Internazionale Salute - ProMIS
Azienda Ulss n. 4 Veneto Orientale
Piazza De Gasperi, 5
30027 - San Donà di Piave (VE)
Sede Ufficio Regione Veneto a Roma ProMIS - Programma Mattone Internazionale Salute
Via del Tritone, 46
00187 - Roma

SEDE UFFICIO REGIONE VENETO A BRUXELLES ProMIS - Programma Mattone Internazionale Salute
Regione del Veneto - Sede di Bruxelles
Avenue de Tervuren, 67
1040 - Brussels
Tel. +39 041 279 4827 (dall'Italia)
       +32 027 437 027 (dall'estero)
email: francesca.gastaldon@aulss4.veneto.it
  • Ministero della Salute
  • Ministero della Salute
  • Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome
  • ULSS 10
© Riproduzione vietata senza l'autorizzazione di Progetti di Impresa Srl | Aggiornato a giovedì 18 luglio 2019