ultima modifica: Nicola Scomparin  03/03/2018

Posizione della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome sul Quadro finanziario pluriennale dell’Unione Europea 2021-2027

notizia pubblicata in data : lunedì 05 marzo 2018

Posizione della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome sul Quadro finanziario pluriennale dell’Unione Europea 2021-2027

Il 14 febbraio, in vista della riunione informale dei leader del 23 febbraio 2018, la Commissione Europea aveva proposto diverse opzioni - e i relativi effetti finanziari - per un nuovo e moderno bilancio a lungo termine dell'UE in grado di realizzare efficientemente le priorità dell'Unione dopo il 2020.

Il 22 febbraio, la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha condiviso una posizione sul futuro Quadro Finanziario Pluriennale dell’Unione Europea esprimendo forte preoccupazione circa gli scenari prospettati nella Comunicazione della Commissione Europea con riferimento, in particolare, alla politica di coesione. La Conferenza ritiene che il futuro Quadro finanziario pluriennale (QFP) della UE debba essere ispirato al rilancio del processo di integrazione europea, privilegiando l’approfondimento dell’integrazione e una visione europea delle politiche di sviluppo.

La Conferenza sollecita l’Unione Europea a dotarsi di una politica di coesione post 2020 ambiziosa sottolineando di non condividere l’idea che traspare dalla Comunicazione della Commissione di una politica di coesione confinata al ruolo di meccanismo di redistribuzione di risorse a favore delle regioni meno sviluppate e ritiene prioritario mantenere un finanziamento ambizioso ad una politica regionale, comprensiva degli interventi per il capitale umano e l’inclusione sociale, confermando la sua vocazione orizzontale e unitaria, che la rende capace di declinare in maniera integrata le politiche settoriali.

Auspica in ogni caso che il futuro QFP non comporti una diminuzione delle risorse assegnate alla politica di coesione in favore di altri capitoli di spesa, inclusi nuovi programmi e iniziative comunitarie, i cui obiettivi possano essere realizzati attraverso i fondi SIE. La Conferenza, infine, ha incaricato la Regione Umbria, quale coordinatrice della Commissione Affari europei, di coordinare i lavori delle diverse commissioni istruttorie della Conferenza per seguire il negoziato sul quadro finanziario e poi sulla futura politica di coesione.

Per maggiori informazioni cliccare su "ulteriori dettagli".

Risultato
  • 3
(1277 valutazioni)
news ed eventi
<< maggio 2019 >> L M M G V S D     1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31                  
Sede Regione Veneto Programma Mattone Internazionale Salute - ProMIS
Regione del Veneto - Area Sanità e Sociale
UO Commissione Salute e Relazioni socio sanitarie
Palazzo G.B. Giustinian - Dorsoduro 1454
30123 - VENEZIA
cell. +39.3456598389 +39.3356504832
email: promisalute@regione.veneto.it

Programma Mattone Internazionale Salute - ProMIS
Azienda Ulss n. 4 Veneto Orientale
Piazza De Gasperi, 5
30027 - San Donà di Piave (VE)
Sede Ufficio Regione Veneto a Roma ProMIS - Programma Mattone Internazionale Salute
Via del Tritone, 46
00187 - Roma

SEDE UFFICIO REGIONE VENETO A BRUXELLES ProMIS - Programma Mattone Internazionale Salute
Regione del Veneto - Sede di Bruxelles
Avenue de Tervuren, 67
1040 - Brussels
Tel. +39 041 279 4827 (dall'Italia)
       +32 027 437 027 (dall'estero)
email: francesca.gastaldon@aulss4.veneto.it
  • Ministero della Salute
  • Ministero della Salute
  • Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome
  • ULSS 10
© Riproduzione vietata senza l'autorizzazione di Progetti di Impresa Srl | Aggiornato a lunedì 20 maggio 2019