ultima modifica: Nicola Scomparin  19/07/2018

Il piano Juncker ha superato l’obiettivo di investimento originario di 315 miliardi di euro

notizia pubblicata in data : venerdì 20 luglio 2018

Il piano Juncker ha superato l’obiettivo di investimento originario di 315 miliardi di euro

Il 18 luglio scorso il Presidente Juncker e il Presidente della Banca europea per gli Investimenti (BEI) Hoyer hanno presenziato alla conferenza stampa sul piano di investimenti per l’Europa, il cosiddetto piano Juncker, lanciato nel novembre 2014, per invertire il calo tendenziale dei livelli già bassi degli investimenti e per rilanciare l’economia dell’Europa.

Secondo le previsioni, entro luglio 2018 le operazioni approvate nell’ambito del Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS) del piano Juncker dovrebbero generare 335 miliardi di euro di investimenti e circa 700.000 piccole e medie imprese dovrebbero beneficiare di un migliore accesso ai finanziamenti.

In ordine di investimenti generati dal FEIS in rapporto al PIL i principali paesi sono Grecia, Estonia, Lituania, Bulgaria e Finlandia. Tra gli esempi figurano soluzioni innovative per l’assistenza sanitaria in Spagna, l’economia circolare nella Repubblica ceca, la produzione alimentare in Grecia.

Per quel che riguarda l’Italia nel luglio 2017 la BEI ha sottoscritto un prestito per la costruzione della nuova Cittadella della Salute presso l'ospedale Ca' Foncello di Treviso - (AULSS) n. 2 Marca Trevigiana.

Oltre al finanziamento di progetti innovativi e delle nuove tecnologie, il piano Juncker ha sostenuto altri obiettivi dell’UE, ad esempio per quanto riguarda le politiche nei settori digitale, sociale e dei trasporti. Grazie al FEIS:

  • 15 milioni di famiglie in più possono accedere alla banda larga ad alta velocità;
  • oltre 500 000 alloggi popolari ed economici sono stati costruiti o ristrutturati;
  • 30 milioni di europei beneficiano di migliori servizi sanitari;
  • 95 milioni di viaggiatori all’anno usufruiscono di migliori infrastrutture urbane e ferroviarie;
  • 7,4 milioni di famiglie sono state fornite di energia rinnovabile.

Il 12 dicembre 2017 il Parlamento europeo e gli Stati membri hanno raggiunto un accordo sul regolamento per potenziare il FEIS e per estendere l’obiettivo di investimento a 500 miliardi di euro entro la fine del 2020. Il regolamento FEIS 2.0 è entrato in vigore il 30 dicembre 2017. Il 6 giugno la Commissione ha presentato la sua proposta sul programma che succederà al piano Juncker nel prossimo quadro finanziario pluriennale: il programma InvestEU.

Per maggiori informazioni cliccare su "ulteriori dettagli"

Risultato
  • 3
(430 valutazioni)
news ed eventi
<< maggio 2019 >> L M M G V S D     1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31                  
Sede Regione Veneto Programma Mattone Internazionale Salute - ProMIS
Regione del Veneto - Area Sanità e Sociale
UO Commissione Salute e Relazioni socio sanitarie
Palazzo G.B. Giustinian - Dorsoduro 1454
30123 - VENEZIA
cell. +39.3456598389 +39.3356504832
email: promisalute@regione.veneto.it

Programma Mattone Internazionale Salute - ProMIS
Azienda Ulss n. 4 Veneto Orientale
Piazza De Gasperi, 5
30027 - San Donà di Piave (VE)
Sede Ufficio Regione Veneto a Roma ProMIS - Programma Mattone Internazionale Salute
Via del Tritone, 46
00187 - Roma

SEDE UFFICIO REGIONE VENETO A BRUXELLES ProMIS - Programma Mattone Internazionale Salute
Regione del Veneto - Sede di Bruxelles
Avenue de Tervuren, 67
1040 - Brussels
Tel. +39 041 279 4827 (dall'Italia)
       +32 027 437 027 (dall'estero)
email: francesca.gastaldon@aulss4.veneto.it
  • Ministero della Salute
  • Ministero della Salute
  • Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome
  • ULSS 10
© Riproduzione vietata senza l'autorizzazione di Progetti di Impresa Srl | Aggiornato a lunedì 20 maggio 2019