ultima modifica: Nicola Scomparin  10/10/2018

Relazione sul funzionamento della direttiva sull’assistenza sanitaria transfrontaliera e i diritti dei pazienti

notizia pubblicata in data : giovedì 11 ottobre 2018

Relazione sul funzionamento della direttiva sull’assistenza sanitaria transfrontaliera e i diritti dei pazienti

Secondo l'ultimo rapporto di attuazione pubblicato il 21 settembre scorso dalla Commissione europea, negli ultimi tre anni la direttiva sull'assistenza sanitaria transfrontaliera (2011/24/UE) ha dimostrato di chiarire e garantire il diritto dei pazienti a ricevere assistenza sanitaria in un altro Stato membro.

Dall'adozione della direttiva non sono state necessarie ulteriori sentenze giudiziarie europee per garantire tali diritti. Ciononostante, la mobilità dei pazienti e le sue dimensioni finanziarie all'interno dell'UE rimangono relativamente basse e la direttiva sull'assistenza sanitaria transfrontaliera non ha comportato un impatto di bilancio rilevante sulla sostenibilità dei sistemi sanitari nazionali. Inoltre, il rapporto mostra che i pazienti sono sempre più consapevoli dei loro diritti.

Nell'ultimo periodo di riferimento (2015-2018), i punti di contatto nazionali (NCP) sono stati formati e supportati per svolgere un'interazione proattiva giorno per giorno con i cittadini. Anche la qualità delle informazioni attraverso siti web nazionali dedicati e altri mezzi è migliorata.

La direttiva ha creato un quadro per la cooperazione tra i sistemi sanitari, in particolare nei settori della valutazione delle tecnologie sanitarie e della sanità elettronica. Inoltre, sono state istituite 24 reti tematiche di riferimento europee (ERN) per malattie rare che riuniscono più di 900 unità sanitarie altamente specializzate ubicate in oltre 300 ospedali in tutta l'UE.

In conclusione, dal rapporto si evince che la mobilità transfrontaliera dei pazienti all'interno dell'UE è leggermente aumentata, in termini numerici, negli ultimi tre anni in quanto i cittadini hanno più accesso alle informazioni.

Per maggiori informazioni cliccare su "ulteriori dettagli"

Risultato
  • 3
(59 valutazioni)
news ed eventi
<< novembre 2018 >> L M M G V S D       1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30                  
Sede Regione Veneto Programma Mattone Internazionale Salute - ProMIS
Regione del Veneto - Area Sanità e Sociale
UO Commissione Salute e Relazioni socio sanitarie
Palazzo G.B. Giustinian - Dorsoduro 1454
30123 - VENEZIA
cell. +39.3456598389 +39.3356504832
email: promisalute@regione.veneto.it

Programma Mattone Internazionale Salute - ProMIS
Azienda Ulss n. 4 Veneto Orientale
Piazza De Gasperi, 5
30027 - San Donà di Piave (VE)
Sede Ufficio Regione Veneto a Roma ProMIS - Programma Mattone Internazionale Salute
Via del Tritone, 46
00187 - Roma

SEDE UFFICIO REGIONE VENETO A BRUXELLES ProMIS - Programma Mattone Internazionale Salute
Regione del Veneto - Sede di Bruxelles
Avenue de Tervuren, 67
1040 - Brussels
Tel. +39 041 279 4827 (dall'Italia)
       +32 027 437 027 (dall'estero)
email: francesca.gastaldon@aulss4.veneto.it
  • Ministero della Salute
  • Ministero della Salute
  • Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome
  • ULSS 10
© Riproduzione vietata senza l'autorizzazione di Progetti di Impresa Srl | Aggiornato a mercoledì 21 novembre 2018