HOME » Covid-19: Fase 3 | Commissione Europea

ultima modifica: claudio.grassano  25/05/2022

COMMISSIONE EUROPEA

 

Coronavirus: Il 13 maggio, la Commissione europea e gli sviluppatori del vaccino, BioNTech e Pfizer, hanno raggiunto un accordo per rispondere meglio alle esigenze degli Stati membri in materia di vaccini COVID-19 per i mesi a venire. Ciò garantirà agli Stati membri l'accesso ai vaccini quando ne avranno bisogno - compresi i futuri vaccini adattati alle varianti, se autorizzati - in modo da poter rispondere a qualsiasi sviluppo epidemiologico nel corso dell'anno e continuare a sostenere i Paesi partner a livello globale. Per maggiori informazioni cliccare qui.

 


Risposta globale alla COVID-19 e oltre: La Commissione aumenta i finanziamenti per l'introduzione delle vaccinazioni in Africa - Il 12 maggio, la Commissione europea ha annunciato l'intenzione di aumentare i finanziamenti per accelerare l'introduzione e la diffusione dei vaccini e di altri strumenti COVID-19 in Africa, con un ulteriore sostegno di 400 milioni di euro. La Commissione prevede inoltre un contributo di 427 milioni di euro (450 milioni di dollari) al Fondo globale per la preparazione alle pandemie per sostenere gli sforzi per prevenire e rispondere meglio alle future pandemie. Per maggiori informazioni cliccare qui.

 


COVID-19: la Commissione invita gli Stati membri a intensificare la preparazione per la prossima fase pandemica - Il 27 aprile la Commissione ha proposto una serie di azioni per gestire l'attuale fase della pandemia di COVID-19 e prepararsi per quella successiva. Lavorando insieme, l'UE ha finora salvato centinaia di migliaia di vite grazie ai vaccini contro il COVID-19, mantenuto operativo il suo mercato unico, ridotto al minimo le restrizioni di viaggio e mobilitato la capacità di produzione di prodotti critici quando le catene di approvvigionamento sono state interrotte. Nella nuova fase della pandemia, in cui la preparazione e la risposta devono essere sostenute, il coordinamento sarà, ancora una volta, essenziale. La Commissione invita pertanto gli Stati membri ad adottare misure, prima dell'autunno, per garantire la vigilanza e il coordinamento continuo della preparazione e della risposta sanitaria. Per maggiori informazioni cliccare qui.

 


Partecipazione dell'UE al piccolo gruppo di ministri degli Esteri riuniti per coordinare una risposta rafforzata al COVID-19 - Il 14 febbraio, durante la riunione di azione globale sul COVID-19, convocata dal segretario di Stato USA, Blinken, e che ha riunito l'UE, rappresentata dal commissario Urpilainen, e altri paesi partner, i partecipanti hanno discusso un "Piano d'azione globale COVID-19". L'obiettivo è aiutare a coordinare le azioni e mobilitare le risorse in sei aree prioritarie in relazione alla risposta globale al COVID-19 per porre fine alla pandemia entro la fine del 2022: rafforzare la resilienza della catena di approvvigionamento, colmare le lacune informative, sostenere gli operatori sanitari, garantire la disponibilità di trattamenti e test dove è più necessario e rafforzare l'architettura di sicurezza sanitaria globale. Per maggiori informazioni clicca qui.

 


Politica di coesione dell'UE: quasi 385,5 milioni di euro dal Fondo di solidarietà dell'UE a 19 paesi per far fronte all'emergenza sanitaria da coronavirus - La Commissione ha completato i pagamenti dell'assistenza del Fondo di solidarietà dell'UE (FSUE) per affrontare l'emergenza sanitaria da Coronavirus a 19 paesi per un importo totale di quasi 385,5 milioni di euro. Ciò si aggiunge ai 132,7 milioni di euro pagati nel 2020 agli Stati membri che hanno richiesto un anticipo del FSUE. Trova maggiori informazioni qui

 


La CE ha pubblicato raccomandazioni non vincolanti per contenere rapidamente la diffusione della variante Omicron - Il 10 dicembre il Comitato per la sicurezza sanitaria ha approvato e pubblicato un documento contenente alcune raccomandazioni, non vincolanti, per una risposta coordinata alla diffusione del SARS-CoV-2 variante Omicron. Il documento “indica le misure di sanità pubblica su cui i Paesi dovrebbero concentrarsi e, se possibile, dovrebbero cercare di attuare ora, per superare questo periodo di incertezza e comprendere meglio la presenza di Omicron in Europa”. Per maggiori info clicca qui.

 


Nuovo strumento di monitoraggio dell'UE sull'esportazione di vaccini COVID-19 per promuovere la vaccinazione globale - Il meccanismo di trasparenza e autorizzazione delle esportazioni di vaccini COVID-19, il cui obiettivo era garantire le consegne di vaccini agli europei in linea con gli obblighi contrattuali delle aziende, non sarà esteso. A partire dal 1 gennaio 2022, i produttori di vaccini non avranno più bisogno di un'autorizzazione per l'esportazione di vaccini al di fuori dell'UE. “Vaccinare il mondo è una necessità per superare la pandemia di COVID-19. Per noi non si è mai trattato dell'UE in primo luogo, la solidarietà vaccinale è stata il nostro segno distintivo sin dall'inizio", ha affermato Stella Kyriakides, commissario per la salute e la sicurezza alimentare. Per maggiori info premi qui.

 


Strategia dell'UE sulla terapia del COVID-19: via libera dall'EMA sui trattamenti Ronapreve e Regkirona - L'11 novembre l'Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha approvato due trattamenti che potrebbero essere utilizzati durante le prime fasi dell'infezione e che si basano su anticorpi monoclonali antivirali. I trattamenti sono stati identificati dalla Commissione europea come promettenti nell'ambito della strategia terapeutica dell'UE con l'obiettivo di ottenere da tre a cinque nuove terapie disponibili entro la fine dell'anno. Per maggiori informazioni clicca qui.


La Commissione Europea si assicura un nuovo potenziale vaccino contro il COVID-19 - Il 10 novembre la Commissione Europea ha approvato il contratto con la Valnevia per un potenziale nuovo vaccino contro il Coronavirus. Quasi 27 milioni di dosi nel 2022 oltre agli altri 33 milioni di dosi saranno potenzialmente erogate a tutti gli Stati membri dell'UE. “Il contratto consente di adattare il vaccino a nuove varianti. Il nostro ampio portafoglio ci aiuterà a combattere il COVID e le sue varianti in Europa e oltre. La pandemia non è finita. Tutti quelli che possono dovrebbero vaccinarsi”, ha affermato la presidente della CE Ursula von der Leyen. Per maggiori informazioni clicca qui.

 


L'UE e AstraZeneca concordano sulla fornitura del vaccino COVID-19 e sulla fine del contenzioso - Il 3 settembre, l'UE e AstraZeneca hanno raggiunto un accordo che garantirà la consegna delle restanti dosi di vaccino COVID-19 agli Stati membri secondo i termini dell'acquisto anticipato. L’accordo con AstraZeneca  si è concluso il 27 agosto 2020 e porrà fine anche al contenzioso pendente dinanzi alla Corte di Bruxelles. Per saperne di più clicca qui.

 


Coronavirus: il 70% della popolazione adulta dell'UE completamente vaccinata - Il 31 agosto, la Commissione europea ha confermato di aver raggiunto l'obiettivo del 70% dei vaccinati adulti nella UE che si era posta di fare entro la fine dell'estate. Il presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha affermato che sebbene questo sia un grande risultato, la pandemia non è finita e sono ancora necessarie ulteriori azioni in Europa e nel resto del mondo. Stella Kyriakides, commissario per la salute e la sicurezza alimentare, ha sottolineato che gli sforzi per aumentare ulteriormente i tassi di vaccinazione in tutta l'UE continueranno senza sosta.

 


L'UE mette a disposizione finanziamenti umanitari aggiuntivi di 41 milioni per combattere la pandemia - Mentre la pandemia di COVID-19 continua a persistere, l'UE fornirà 41 milioni di euro per aiutare i Paesi a basso e medio reddito che affrontano una crisi sanitaria, umanitaria e socioeconomica senza precedenti, amplificato dallo squilibrio nella consegna dei vaccini. Trova maggiori informazioni sull'iniziativa e sul programma COVAX cliccando qui.

 


Nuovo gruppo di esperti sulle varianti di SARS-CoV-2 - Il 23 luglio la Commissione europea ha nominato un gruppo di esperti sulle varianti e le terapie per il COVID-19. Il gruppo di esperti supporterà l'incubatore HERA nell'anticipare la minaccia delle varianti COVID-19 e proporrà criteri di selezione per un elenco di 10 promettenti terapie COVID-19, come annunciato nell'ambito della strategia terapeutica. Per consultare il nuovo gruppo di esperti clicca qui

 


100 milioni di dosi di vaccino da condividere con i paesi a basso e medio reddito - La Commissione europea ha pubblicato un aggiornamento sui piani per garantire l'accesso a vaccini COVID-19 sicuri e convenienti in tutto il mondo, e in particolare per i paesi a basso e medio reddito, come proposto durante il vertice mondiale sulla salute di maggio. Il progetto è sulla buona strada per superare l'obiettivo iniziale di 200 milioni di dosi di vaccini COVID-19 entro la fine del 2021. Per maggiori informazioni qui.

 


Gruppo di lavoro tecnico sui test diagnostici COVID-19 - Il gruppo di lavoro tecnico sui test diagnostici COVID-19, istituito dal Comitato per la sicurezza sanitaria, mira a rivedere le proposte per i dispositivi per l'antigene rapido COVID-19. Il 7 luglio, il gruppo di lavoro ha deciso un elenco comune di test per l'antigene rapido COVID-19 e un insieme standardizzato comune di dati da includere nei certificati dei risultati del test COVID-19. Trovi l'addendum qui.

 


Il certificato digitale COVID dell'UE entra in vigore nell'UE - Dal 1° luglio entra in vigore il regolamento sul certificato digitale COVID dell'UE. Ciò significa che i cittadini e i residenti dell'UE ora potranno ottenere il rilascio e la verifica dei loro certificati digitali COVID in tutta l'UE. Trova maggiori informazioni qui.

 


Strategia terapeutica COVID-19: la Commissione identifica cinque promettenti terapie candidate - Il 29 giugno, la Commissione ha pubblicato il primo risultato della Strategia terapeutica dell'UE sulla COVID-19 (presentata a maggio) con l'annuncio di un portafoglio di cinque terapie che potrebbero presto essere disponibili per il trattamento dei pazienti in tutta l'UE. Trova maggiori informazioni qui. Per visualizzare le FAQ premi qui.

 


Vaccini COVID-19 sicuri per gli europei - Il 9 giugno la Commissione Europea ha rilasciato una dichiarazione relativa alle dosi dei vaccini COVID-19. Finora la Commissione europea ha assicurato fino a 4,4 miliardi di dosi di vaccini COVID-19 e sono in corso negoziati per dosi aggiuntive. Per maggiori informazioni cliccare qui.

 


Coronavirus: la Commissione propone un aggiornamento delle misure di viaggio coordinate prima dell'estate - Il 31 maggio la Commissione europea ha proposto un aggiornamento delle raccomandazioni del Consiglio sul coordinamento delle restrizioni alla libera circolazione all'interno dell'Unione dovute alla pandemia di COVID, invitando gli Stati membri a facilitare gradualmente i viaggi, in primis, per i titolari del Certificato UE Digital Covid. Per maggiori informazioni cliccare qui.

 


Coronavirus: il Comitato per la sicurezza sanitaria aggiorna l'elenco comune dei test rapidi dell'antigene COVID-19 - Il Comitato per la sicurezza sanitaria (HSC) ha deciso di aggiornare l'elenco comune dei test rapidi dell'antigene (RAT) COVID-19, compresi quelli i cui risultati sono reciprocamente riconosciuti da Stati membri dell'UE per misure di salute pubblica. A seguito dell'aggiornamento, 83 diversi test sono ora inclusi nell'elenco comune, di cui i risultati di 35 vengono reciprocamente riconosciuti. Leggi di più qui. L'elenco comune aggiornato dei test sui tamponi COVID-19 è disponibile qui. I produttori possono presentare dati sui test rapidi dell'antigene disponibili sul mercato qui.

 


Coronavirus: Team Europe continua a fornire, con oltre 26 miliardi di euro erogati in un anno, il sostegno dei paesi partner - L'8 aprile, un anno fa la Commissione europea ha definito i piani per una risposta mirata dell'UE a sostegno dei Paesi partner 'sforzi per affrontare la pandemia di Coronavirus combinando risorse dell'UE, dei suoi Stati membri e delle istituzioni finanziarie europee, come' Team Europe '. Al 1 ° gennaio 2021, Team Europe aveva già sostenuto i partner con oltre 26 miliardi di euro. Il Team Europe sta anche lavorando per garantire un accesso globale ed equo ai vaccini COVID-19 e sostenere il lancio di campagne di vaccinazione, esplorando anche la possibilità aumentare la produzione locale di vaccini. Maggiori informazioni qui.

 


Preparazione sanitaria dell'UE: possibili usi dei certificati COVID-19 - Il 15 aprile, la DG SANTE ha pubblicato questo documento di discussione sull'introduzione dei certificati di vaccinazione. Il documento è approvato dal Comitato per la sicurezza sanitaria (HSC). L'obiettivo è raggiungere, tramite il Comitato per la sicurezza sanitaria, una comprensione dell'attuale posizione dei Paesi in merito al possibile utilizzo dei certificati COVID-19. Per il documento completo clicca qui.


Nuova procedura per facilitare e accelerare l'approvazione di vaccini adattati contro le varianti COVID-19 - Il 24 marzo, come azione immediata nell'ambito dell'Incubatore HERA, il nuovo piano europeo di preparazione alla bio-difesa contro le varianti COVID-19, la Commissione ha introdotto una misura per accelerare l'autorizzazione dei vaccini COVID-19 adattati. Come per qualsiasi regolamento delegato, la misura sarà ora sottoposta al controllo del Parlamento europeo e del Consiglio prima di entrare in vigore. Per maggiori informazioni clicca qui.

 


La Commissione propone quasi 530 milioni di euro per sostenere misure di emergenza contro la pandemia - L'11 marzo è stato presentato un pacchetto finanziario aggiuntivo di 530 milioni di euro nell'ambito del Fondo di solidarietà dell'UE (FSUE). Contribuisce a 17 Stati membri e 3 paesi in via di adesione ((Austria, Belgio, Croazia, Cechia, Estonia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Portogallo, Romania, Spagna e Albania, Montenegro e Serbia) per salvaguardare la salute pubblica nella lotta alla pandemia. Il pacchetto di aiuti proposto oggi comprende anche i 132,7 milioni di euro di anticipi già ricevuti da Germania, Irlanda, Grecia, Spagna, Croazia, Ungheria e Portogallo. La mobilitazione dei pagamenti finali del FSUE ai 17 Stati membri si basa su una valutazione approfondita delle domande presentate, garantendo la coerenza nell'approccio e la parità di trattamento. Per maggiori info clicca qui.

 


Raccomandazioni della Commissione su una sorveglianza sistematica e comune del COVID-19 e delle sue varianti nelle acque reflue dell'UE - Il 17 marzo la Commissione europea ha adottato una raccomandazione sul monitoraggio del COVID-19 e delle sue varianti nelle acque reflue nell'UE. L'obiettivo è quello di utilizzare maggiormente una nuova fonte di informazioni, indipendenti dalla diffusione del virus e delle sue varianti, che fornirà un contributo significativo ed efficace in termini di costi al processo decisionale in materia di salute pubblica. Per maggiori info premi qui

 


La Commissione europea ha lanciato una iniziativa relativa alla creazione del certificato verde digitale per agevolare e rendere sicura la libera circolazione all'interno dell'UE durante la pandemia di COVID-19. Il certificato verde digitale sarà destinato ai cittadini europei vaccinati per il COVID-19, risultati negativi al test o guariti dal virus e per questo saranno previsti tre tipi di certificati - i certificati di vaccinazione, i certificati dei test (test NAAT/RT-PCR o test antigenico rapido), e i certificati per le persone guarite dal COVID-19. I certificati saranno rilasciati in forma digitale o cartacea. Entrambi avranno un codice QR contenente le informazioni fondamentali necessarie, comprensive della firma digitale che ne garantisca l'autenticità. La Commissione predisporrà un gateway e aiuterà gli Stati Membri a sviluppare un software che le autorità potranno usare per verificare tutte le informazioni in tutta l'UE. Nessun dato personale dei titolari dei certificati passerà attraverso il gateway né sarà conservato dallo Stato membro che effettua la verifica. I certificati saranno disponibili gratuitamente e saranno redatti nella o nelle lingue ufficiali dello Stato membro di rilascio e in inglese. Il certificato verde digitale sarà valido in tutti gli Stati membri e aperto all'Islanda, al Liechtenstein, alla Norvegia come pure alla Svizzera. Saranno inoltre rilasciati ai cittadini dell'UE e ai loro familiari, indipendentemente dalla loro nazionalità così come ai cittadini non dell'UE che risiedono nell'Unione e ai visitatori che hanno il diritto di recarsi in altri Stati membri. Il cronoprogramma dell’iniziativa prevede che in estate la Commissione organizzerà l’infrastruttura digitale per “facilitare l’autenticazione dei Certificati Verdi Digitali” e che gli Stati membri introducano “le modifiche necessarie ai loro registri sanitari nazionali“. Per maggioni info premere qui


Il contributo dell'UE raddoppia a COVAX portandolo a 1 miliardo di euro per garantire vaccini sicuri ed efficaci per i Paesi a basso e medio reddito - Il 19 febbraio, l'Unione europea ha annunciato ulteriori 500 milioni di euro per lo strumento COVAX, raddoppiando il suo contributo, fino ad oggi, per l'iniziativa globale che sta guidando gli sforzi per garantire un accesso giusto ed equo ai vaccini COVID-19 sicuri ed efficaci nei Paesi a basso e medio reddito. Questo nuovo impegno ci avvicina al raggiungimento dell'obiettivo di COVAX di fornire 1,3 miliardi di dosi per 92 Paesi a basso e medio reddito entro la fine del 2021.

 


Test COVID-19: domande e risposte sulla valutazione della conformità e sulle prestazioni dei dispositivi medici diagnostici in vitro nel contesto del COVID-19 - Il 24 febbraio la Commissione europea ha pubblicato questa guida. Il documento si riferisce all'immissione sul mercato dei test diagnostici in vitro COVID-19 ai sensi della direttiva 98/79 / CE, salvo diversa indicazione. Per maggiori info cliccare qui

 


Annuncio delle città vincitrici del premio dell'UE per la salute 2020, ONG riguardo scuole e asili che promuovono la vaccinazione e stili di vita sani nei bambini - Il 2 marzo, il Commissario europeo per la salute e la sicurezza alimentare, Stella Kyriakides ha annunciato le città vincitrici del premio dell'UE per la salute 2020 per  le ONG, le scuole e gli asili che promuovono la vaccinazione nei bambini (0-18 anni) e scuole che promuovono stili di vita sani per i bambini (6-18 anni). La cerimonia di premiazione si è svolta online nell'ambito della riunione annuale della piattaforma della politica sanitaria dell'UE con oltre 160 partecipanti e spettatori online. Per maggiori info cliccare qui.

 

 


Nuovo programma dell'UE per sostenere gli sforzi previsti per la vaccinazione nei Paesi del partenariato orientale con l'OMS - L'11 febbraio l'Unione europea, in collaborazione con l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), ha lanciato un nuovo programma regionale del valore di oltre 40 milioni di euro per fornire assistenza al fine di garantire la disponibilità e la preparazione di una vaccinazione sicura ed efficace della popolazione in ciascuno dei sei Paesi del partenariato orientale (EaP): Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Georgia, Repubblica di Moldova e Ucraina. Per maggiori info clicca qui

 


Trasparenza delle vaccinazioni e meccanismo di autorizzazione per l’esportazione dei vaccini - Il 29 gennaio la Commissione europea ha messo in atto un provvedimento che richiede che le esportazioni siano soggette ad autorizzazione degli Stati membri europei. Il sistema di trasparenza e autorizzazione richiederà, alle aziende, di notificare alle autorità degli Stati membri l'intenzione di esportare vaccini prodotti nell'Unione europea. Per maggiori info cliccare qui

 


La Commissione sostiene i servizi per aumentare la raccolta di plasma convalescente COVID-19 - La Commissione europea ha selezionato 24 progetti che costruiranno i nuovi programmi, o amplieranno quelli esistenti, per la raccolta di plasma da donatori guariti dal COVID-19. Le donazioni di plasma verranno utilizzate per il trattamento dei pazienti con la malattia in corso. Questa azione è finanziata attraverso lo strumento di sostegno alle emergenze, per un totale di 36 milioni di euro. Per maggiori info clicca qui

 


La corsa per i vaccini - Il 6 gennaio la Commissione Europea ha rilasciato l'autorizzazione all'immissione in commercio per il vaccino Moderna COVID-19. 160 milioni di dosi saranno distribuite da Moderna. BioNTech e Pfizer hanno autorizzato il primo vaccino e hanno già erogato 300 milioni di dosi. Per maggiori informazioni clicca qui.

 


Regole sui test rapidi dell'antigene - La Commissione europea, il 18 dicembre, ha adottato una proposta di raccomandazione del Consiglio, su un quadro comune, per l'uso del test rapido dell'antigene. I test antigeni svolgono un ruolo importante nella rilevazione della pandemia Covid-19.  Per consultare la proposta premi qui. Inoltre, è stato firmato un contratto quadro con le aziende Abbott e Roche per consentire l'acquisto di oltre 20 milioni di test pagati dallo Strumento di Supporto all’Emergenza. Maggiori informazioni qui

 


Meeting sulla piattaforma di consulenza scientifica dell'UE - Il 13 novembre si è tenuta il meeting sulla piattaforma di consulenza scientifica dell'UE. Durante la riunione, il commissario Kyriakides ha informato i partecipanti sulle proposte adottate per l'Unione europea della sanità e ha discusso di test e messa in quarantena. Clicca qui per i risultati dell'incontro.

 


Comitato per la sicurezza sanitaria - Il 27 novembre il Comitato per la sicurezza sanitaria della Commissione europea ha tenuto un altro incontro audio sullo scoppio del COVID-19. Il rapporto di sintesi è ora disponibile qui. I membri del Comitato hanno discusso le regole riguardanti la quarantena e l'isolamento, l'esperienza con i test sulla popolazione, la condivisione di esperienze sull'uso dei moduli di localizzazione dei passeggeri (PLF), le forniture di vaccini e le campagne di comunicazione sulla vaccinazione COVID-19.

 


Rimanere al sicuro dal COVID-19 durante l'inverno - Il 2 dicembre la Commissione europea ha adottato una nuova strategia per gestire la pandemia durante l'inverno. L'output principale del documento sono le misure consigliate per tenere sotto controllo la pandemia. Per maggiori informazioni clicca qui.

 


Gruppo di esperti sulla resilienza sanitaria e assistenza sociale - L'8 dicembre, la Commissione Europea ha pubblicato il parere del gruppo di esperti sui modi efficaci di investire nella salute nell'organizzazione di un'assistenza sanitaria e sociale resiliente in seguito alla pandemia COVID-19. Per il documento completo clicca qui.

 


L'11 novembre 2020, la Commissione Europea ha compiuto il primo passo verso la costruzione di un'Unione Europea della Salute. Le proposte della Commissione europea mirano a rafforzare la preparazione e la pianificazione della risposta e a rafforzare il mandato dell'ECDC e dell'EMA. Per maggiori info clicca qui


Previsioni economiche di autunno 2020 - La pandemia COVID-19 ha colpito drasticamente l'attività economica in Europa. La previsione economica dell'autunno 2020, pubblicata il 5 novembre, prevede che l'economia dell'area dell'euro si contrarrà del 7,8% nel 2020 prima di crescere del 4% nel 2021 e del 3% nel 2022. Per maggiori info clicca qui


La Commissione intensifica l'azione per rafforzare le misure di preparazione e risposta in tutta l'UE - Il 28 ottobre, la Commissione europea ha pubblicato il suo piano per avviare una serie aggiuntiva di azioni per contribuire a limitare la diffusione del coronavirus, salvare vite umane e rafforzare la resilienza del mercato interno. La Commissione intraprenderà azioni in 8 settori chiave. Maggiori info clicca qui


Giovedì 22 ottobre 2020, 150 ventilatori da ResCUE la Commissione Europea ha inviato un primo lotto di 30 ventilatori in Repubblica Ceca, a seguito della sua richiesta di assistenza. Il 24 ottobre 2020 anche Austria e Paesi Bassi hanno risposto alla richiesta della Repubblica Ceca inviando altro materiale, raggiungendo il numero totale di 150 ventilatori. I ventilatori sono prelevati dal RescUE, la riserva comune di attrezzature mediche istituita per aiutare i Soci durante la pandemia. Informazioni disponibili clicca qui


Il 19 ottobre, il servizio EU Interoperability Gateway è diventato attivo e le prime tre app di tracciamento dei contatti sono state collegate tramite questo servizi: Corona-Warn-App per la Germania, COVID Tracker per l’Irlanda e Immuni per l’italia. Da quel momento, ogni settimana altre app europee sono state collegate al gateway, per spezzare la diffusione internazionale del Coronavirus. Maggiori info clicca qui


Strategia europea per il vaccino. Il 24 settembre, la Commissione Europea ha pubblicato un documento che spiega, in dettaglio, lo stato di avanzamento della strategia per lo sviluppo e la produzione di vaccini per COVID-19. Per maggiori info clicca qui


 

La DG SANTE ha finanziato un programma di formazione creato dalla Società europea di medicina di terapia intensiva (ESICM), per aiutare le unità di terapia intensiva europee ad affrontare la seconda ondata di COVID-19. Il progetto consiste in una formazione specifica per gli operatori sanitari che non lavorano regolarmente in terapia intensiva. Durerà fino alla fine di dicembre 2020. Per maggiori info clicca qui


 

Manifesto per massimizzare l'accessibilità dei risultati della ricerca nella lotta contro il Covid-19. Il Manifesto fornisce i principi guida per i beneficiari delle sovvenzioni di ricerca dell'UE per la prevenzione, i test, il trattamento e le vaccinazioni contro il coronavirus al fine di garantire che i risultati della ricerca siano accessibili a tutti e garantiscano un ritorno concreto degli investimenti pubblici.I principi guida mirano a:

  •         Rendere i risultati di ricerca ottenuti, sia tangibili che intangibili, pubblici e accessibili, ad esempio sulla Horizon Results Platform o su piattaforme esistenti di condivisione della proprietà      intellettuale;
  •         Rendere i documenti scientifici e i dati di ricerca disponibili in modalità open access e secondo i principi FAIR;
  •         Ove possibile, concedere licenze limitate nel tempo, non esclusive e gratuite, per la proprietà intellettuale fino a un anno dopo l'eventuale dichiarazione dell'OMS sulla fine della "emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale" (limite massimo: 1° gennaio 2022). Le licenze saranno concesse in cambio dell'impegno dei licenziatari a distribuire rapidamente e apertamente i prodotti e i servizi per prevenire, diagnosticare, trattare e contenere il Covid-19.

Il Manifesto è alla ricerca del sostegno e dell'adesione volontaria di stakeholder pubblici e privati che beneficiano di finanziamenti UE, di altri finanziatori della ricerca e di persone e istituzioni di spicco. Per maggiori info clicca qui

 


L’UE rafforza le misure per la preparazione sanitaria a breve termine in caso di futuri focolai di COVID-19. La Commissione il 15 luglio 2020 ha pubblicato una comunicazione trasmessa al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni che illustra le misure immediate a breve termine volte a rafforzare la preparazione sanitaria dell'UE per affrontare i focolai di COVID-19. Fin dall'inizio la Commissione ha coordinato lo scambio di informazioni e raccomandazioni relativamente alle azioni e alle misure sanitarie a livello transfrontaliero. Una vigilanza costante e una risposta rapida da parte della Commissione e degli Stati membri sono fondamentali per contenere la diffusione del virus ed evitare l'imposizione di nuove misure di blocco generalizzato. Per maggiori info clicca qui

 


Comunicazione della Commissione Europea: preparazione sanitaria a breve termine dell'UE per affrontare i focolai di COVID-19. La presente comunicazione mira a garantire la preparazione sanitaria a breve termine dell'UE in caso di nuovi focolai di COVID-19 in Europa. Essa si concentra in particolare sulla necessità di ridurre l'impatto dell'influenza stagionale 2020/2021, in modo da attenuare l'ulteriore pressione sui sistemi sanitari nel caso in cui l'influenza dovesse coincidere con un nuovo focolaio di COVID-19. Per ulteriori informazioni clicca qui.


Coronavirus: Erasmus + mobilitato per una forte risposta alla pandemia. La Commissione ha adottato oggi una revisione del programma di lavoro annuale Erasmus+ 2020, stanziando un ulteriore importo di 200 milioni di EUR per rafforzare l'istruzione e la formazione digitale e promuovere lo sviluppo delle competenze e l’inclusione attraverso la creatività e le arti. La pandemia Covid-19 “ha avuto un impatto dirompente sull’istruzione e la formazione – spiega un comunicato dell’esecutivo Ue – con nuovi modi di insegnare e apprendere che richiedono soluzioni innovative, creative e inclusive”. Margaritis Schinas, vicepresidente per la promozione dello stile di vita europeo, aggiunge: “Lo Spazio europeo dell’istruzione deve promuovere l’istruzione e le competenze digitali per mitigare le interruzioni formative causate dalla pandemia e sostenere il ruolo dell’Europa nella transizione digitale”. Per questo la Commissione pubblicherà straordinari bandi Erasmus+ da 200 milioni di euro che “offriranno maggiori opportunità per imparare, insegnare e condividere nell’era digitale”. Per ulteriori info clicca qui


Coronavirus: accordo preliminare della Commissione per un potenziale vaccino. La Commissione europea ha concluso oggi un accordo preliminare con la società farmaceutica AstraZeneca per l'acquisto di un potenziale vaccino contro la COVID-19, anche al fine di donarlo a paesi a reddito medio-basso o ridistribuirlo ai paesi dello Spazio economico europeo. La notizia fa seguito ai positivi sviluppi dei colloqui esplorativi con le società Sanofi-GSK e Johnson&Johnson, la cui conclusione è stata annunciata, rispettivamente, il 31 luglio e il 13 agosto. La Commissione ha concordato le basi di un quadro contrattuale che permetterà, non appena siano dimostrate la sicurezza e l'efficacia del vaccino contro la COVID-19, l'acquisto per conto degli Stati membri dell'UE di 300 milioni di dosi del vaccino prodotto da AstraZeneca, con un'opzione per altri 100 milioni di dosi. La Commissione continua a condurre discussioni su accordi analoghi con altri produttori di vaccini. Per ulteriori info clicca qui.


La Commissione Europea sosterrà, con un totale di 128 milioni di euro, 23 nuovi progetti di ricerca per rispondere all’attuale pandemia di coronavirus. Il finanziamento nell'ambito di Horizon 2020, il programma di ricerca e innovazione dell'UE, rientra nell'impegno della Commissione per l'iniziativa Coronavirus Global Response (1,4 miliardi di euro), lanciata dal presidente Ursula von der Leyen nel maggio 2020. Ulteriori dettagli qui


 

Risultato
  • 5
(1 valutazione)


Sede Regione Veneto Programma Mattone Internazionale Salute - ProMIS
Regione del Veneto - Area Sanità e Sociale
UO Commissione Salute e Relazioni socio sanitarie
Palazzo Molin, San Polo, 2514
30125 - VENEZIA
cell. +39.3456598389 +39.3356504832
email: promisalute@regione.veneto.it

Programma Mattone Internazionale Salute - ProMIS
Azienda Ulss n. 4 Veneto Orientale
Piazza De Gasperi, 5
30027 - San Donà di Piave (VE)
Sede Ufficio Regione Veneto a Roma ProMIS - Programma Mattone Internazionale Salute
Via del Tritone, 46
00187 - Roma

SEDE UFFICIO REGIONE VENETO A BRUXELLES ProMIS - Programma Mattone Internazionale Salute
Regione del Veneto - Sede di Bruxelles
Avenue de Tervuren, 67
1040 - Brussels
Tel. +39 041 279 4827 (dall'Italia)
       +32 027 437 027 (dall'estero)
email: francesca.gastaldon@aulss4.veneto.it
  • Ministero della Salute
  • Ministero della Salute
  • Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome
  • ULSS 10
© Riproduzione vietata senza l'autorizzazione di Ai4Smartcity s.r.l. © 2022