ultima modifica: Nicola Scomparin  13/12/2019

Health at a Glance 2019: il rapporto OCSE

notizia pubblicata in data : giovedì 19 dicembre 2019

Health at a Glance 2019: il rapporto OCSE

L’edizione del 2019 del rapporto “Health at a Glance” fornisce i recenti dati e trend comparabili nel tempo sulla salute della popolazione e i risultati dei sistemi sanitari nei Paesi membri e nei Paesi partner dell’OCSE.

Nei 34 Paesi dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), un nuovo nato ha una speranza di vita media di 81 anni, tuttavia, l’aumento della speranza di vita ha subito un rallentamento, in particolare negli Stati Uniti, in Francia e nei Paesi Bassi.  Un adulto su tre ha almeno una malattia cronica e le principali cause di morte sono le malattie cardiache e dell’apparato circolatorio (1 decesso su 3) e il cancro (1 su 4). In generale la maggior parte delle malattie croniche è dovuta a stili di vita inadeguati: mediamente ogni persona beve 9 litri di bevande alcoliche all’anno e il 4% degli adulti ha una dipendenza da alcool; il 56% degli adulti e un terzo dei bambini tra i 5 e i 9 anni sono obesi. Cala il numero di fumatori, ma il 18% degli adulti fuma almeno una sigaretta al giorno. La qualità delle cure sanitarie sta migliorando in termini di sicurezza e di efficacia ma si dovrebbe dedicare maggiore attenzione ai risultati e alle esperienze riferite dai pazienti. Si stima che la spesa sanitaria supererà la crescita del Pil nei prossimi anni in quasi tutti i Paesi: raggiungerà il 10,2% medio del Pil entro il 2030, a partire dall'8,8% nel 2018.L'invecchiamento demografico aumenta la domanda di assistenza sanitaria, in particolare per le cure di lunga durata.

In Italia, nonostante una spesa sanitaria inferiore alla media, si riesce ad avere la quarta più alta aspettativa di vita di tutta l'OCSE: 83 anni alla nascita e gli italiani muoiono anche meno prematuramente, con 143 morti per 1.000 persone prevenibili e per cause trattabili, rispetto a una media OCSE di 208. Il consumo di alcool è inferiore alla media OCSE (7 litri anno/persona) e anche l’obesità degli adulti (46%) è relativamente bassa rispetto alla media OCSE del 56%, tuttavia per la quota di bambini in sovrappeso ha il secondo valore più alto dell'OCSE, mentre è superiore alla media la percentuale di fumatori (20%). Gli indicatori relativi all’accesso e alla qualità delle cure sono nella media dei valori OCSE, ma un dato molto negativo riguarda l’elevata prescrizione e il consumo di antibiotici, circa il 50% in più rispetto alla media (l’Italia è seconda solo alla Grecia per volume totale di antibiotici prescritti). La spesa pro capite per la sanità è di 3400 dollari, e la spesa pubblica e privata coincide con la media del 8,8% sul PIL. L’Italia è tra gli 8 Stati che spende meno della media pur avendo un’aspettativa di vita elevata.

Per maggiori informazioni cliccare sotto su "ulteriori dettagli".

Risultato
  • 3
(90 valutazioni)
news ed eventi
<< febbraio 2020 >> L M M G V S D           1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29                
Sede Regione Veneto Programma Mattone Internazionale Salute - ProMIS
Regione del Veneto - Area Sanità e Sociale
UO Commissione Salute e Relazioni socio sanitarie
Palazzo G.B. Giustinian - Dorsoduro 1454
30123 - VENEZIA
cell. +39.3456598389 +39.3356504832
email: promisalute@regione.veneto.it

Programma Mattone Internazionale Salute - ProMIS
Azienda Ulss n. 4 Veneto Orientale
Piazza De Gasperi, 5
30027 - San Donà di Piave (VE)
Sede Ufficio Regione Veneto a Roma ProMIS - Programma Mattone Internazionale Salute
Via del Tritone, 46
00187 - Roma

SEDE UFFICIO REGIONE VENETO A BRUXELLES ProMIS - Programma Mattone Internazionale Salute
Regione del Veneto - Sede di Bruxelles
Avenue de Tervuren, 67
1040 - Brussels
Tel. +39 041 279 4827 (dall'Italia)
       +32 027 437 027 (dall'estero)
email: francesca.gastaldon@aulss4.veneto.it
  • Ministero della Salute
  • Ministero della Salute
  • Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome
  • ULSS 10
© Riproduzione vietata senza l'autorizzazione di Progetti di Impresa Srl | Aggiornato a domenica 23 febbraio 2020