ultima modifica: Nicola Scomparin  10/03/2020

Il nuovo progetto a trazione italiana, Exscalate4CoV, vince 3 milioni di euro per la ricerca di nuovi farmaci contro la pandemia di Coronavirus

notizia pubblicata in data : martedì 10 marzo 2020

Il nuovo progetto a trazione italiana, Exscalate4CoV, vince 3 milioni di euro per la ricerca di nuovi farmaci contro la pandemia di Coronavirus

Il 30 gennaio 2020 la Commissione Europea ha lanciato bando per sostenere la ricerca su COVID-19, con un budget iniziale di 10 milioni di euro mobilitato dal fondo speciale per la ricerca di emergenza del programma Horizon 2020. Successivamente, considerata la qualità delle proposte ricevute, la Commissione ha fornito fondi supplementari per poter così sostenere un numero maggiore di progetti.

Tra i progetti presentati, Exscalate4CoV, il consorzio guidato da Dompé farmaceutici e costituito da 18 istituzioni e centri di ricerca di sette Paesi europei, si è aggiudicato 3 milioni di euro. Lo ha reso noto un comunicato stampa della Commissione Europea. In particolare, esso comprende il Consorzio Interuniversitario CINECA (Supercomputing Innovation and Applications), quale maggiore centro di calcolo in Italia, il Politecnico di Milano (Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria), l’Università degli Studi di Milano (Dipartimento di Scienze Farmaceutiche), l’Università Federico II di Napoli, l’Università degli Studi di Cagliari, l'associazione BigData, l’Istituto Nazionale Di Fisica Nucleare (INFN) e l’Istituto nazionale per le malattie infettive Lazzaro Spallanzani di Roma. Al centro del progetto, Exscalate (EXaSCale smArt pLatform Against paThogEns), la piattaforma di supercalcolo più performante al mondo, in quanto ha la capacità di valutare 3 milioni di molecole al secondo, da una “biblioteca chimica” di 500 miliardi di molecole. Se da una parte l’obiettivo di E4C è identificare molecole in grado di combattere il Coronavirus (2019-nCoV), dall’altra esso mira a rendere Exscalate una risorsa sostenibile per contrastare eventuali future pandemie.

Di fatto, il finanziamento di emergenza di Horizon 2020 consente ai ricercatori di lavorare immediatamente per affrontare la diffusione del Coronavirus su più fronti, sostenendo 17 progetti che coinvolgono 136 team di ricerca provenienti da tutta l'UE e oltre, i quali inizieranno a lavorare allo sviluppo di vaccini, nuovi trattamenti, test diagnostici e sistemi medici volti a prevenire la diffusione del Coronavirus.

Per maggiori informazioni cliccare sotto su “ulteriori dettagli”.

Risultato
  • 3
(107 valutazioni)
news ed eventi
<< aprile 2020 >> L M M G V S D     1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30                    
Sede Regione Veneto Programma Mattone Internazionale Salute - ProMIS
Regione del Veneto - Area Sanità e Sociale
UO Commissione Salute e Relazioni socio sanitarie
Palazzo G.B. Giustinian - Dorsoduro 1454
30123 - VENEZIA
cell. +39.3456598389 +39.3356504832
email: promisalute@regione.veneto.it

Programma Mattone Internazionale Salute - ProMIS
Azienda Ulss n. 4 Veneto Orientale
Piazza De Gasperi, 5
30027 - San Donà di Piave (VE)
Sede Ufficio Regione Veneto a Roma ProMIS - Programma Mattone Internazionale Salute
Via del Tritone, 46
00187 - Roma

SEDE UFFICIO REGIONE VENETO A BRUXELLES ProMIS - Programma Mattone Internazionale Salute
Regione del Veneto - Sede di Bruxelles
Avenue de Tervuren, 67
1040 - Brussels
Tel. +39 041 279 4827 (dall'Italia)
       +32 027 437 027 (dall'estero)
email: francesca.gastaldon@aulss4.veneto.it
  • Ministero della Salute
  • Ministero della Salute
  • Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome
  • ULSS 10
© Riproduzione vietata senza l'autorizzazione di Progetti di Impresa Srl | Aggiornato a martedì 7 aprile 2020